Consigli di lettura: Figlia della cenere – Ilaria Tuti

«La mia è una storia antica, scritta nelle ossa. Sono antiche le ceneri di cui sono figlia, ceneri da cui, troppe volte, sono rinata. E a tratti è un sollievo sapere che prima o poi la mia mente mi tradirà, che i ricordi sembreranno illusioni, racconti appartenenti a qualcun altro e non a me. È quasi un sollievo sapere che è giunto il momento di darmi una risposta, e darla soprattutto a chi ne ha più bisogno. Perché i miei giorni da commissario stanno per terminare. Eppure, nessun sollievo mi è concesso. Oggi il presente torna a scivolare verso il passato, come un piano inclinato che mi costringe a rotolare dentro un buco nero. Oggi capirò di dovere a me stessa, alla mia squadra, un ultimo atto, un ultimo scontro con la ferocia della verità. Perché oggi ascolterò un assassino, e l’assassino parlerà di me.»
“Figlia della cenere” è l’ultimo libro scritto da Ilaria Tuti, che continua la saga dell’amatissima Teresa Battaglia. Ci viene raccontata mentre è alle prime armi contrapposta a quella del presente mentre si trova alle prese con la sua terribile malattia, esperta e sempre accompagnata dal fedele Massimo Marini e da tutta la sua squadra. Personaggi a cui sono molto affezionata e riescono sempre a far sentire il lettore parte di questa famiglia.
Il romanzo, corre su tre piani temporali: l’oggi, con la prigionia del killer e la sua fuga dall’ambulatorio del penitenziario, ventisette anni prima con la scoperta dei primi delitti, l’inizio delle indagini e le vicende dolorose di Teresa, e infine un balzo nel IV secolo ad Aquileia, avamposto militare romano a difesa delle incursioni barbariche ed epicentro propulsore del cristianesimo in Europa (qui giunsero i primi cristiani dal lontano Egitto) , sede anche di una vasta e famosa area archeologica e di una altrettanto famosa Basilica patriarcale e dei suoi celebri mosaici.
Una scrittura scorrevole e piacevole ma mai scontata, quella della Tuti sempre attenta a curare ogni piccolo dettaglio per rendere la storia vera e credibile. Un thriller intenso ed emozionante che ti coinvolge sin da subito e con un finale che lascia ancora tutto in sospeso. Cosa farà il nostro commissario? Uscirà di scena o continuerà a seguire le indagini future seppure a distanza? Per saperlo non resta che aspettare e leggere il prossimo episodio.
«Era cenere, ma la sofferenza è diventata fuoco. Ti ha resa incandescente. E dalla cenere della tua vita precedente sei rinata. Questo è il destino dei comandanti, commissario Battaglia. Non abbassare mai più la testa, davanti a niente e a nessuno. Nemmeno te stessa.»
Eleonora Brun

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...