Controvento

Barche silenziose si allontanano all’orizzonte mentre il mare riflette l’ultimo sole, prima di lasciare la scena al cielo. Si dirigono verso mete sconosciute, libere come i miei pensieri che fantasticano da questo bagnasciuga. Le barche hanno la forza della vita, sanno navigare con il vento, poco gli importa se va nella direzione giusta o meno. Come disse Seneca: “non c’è vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare”.
È questa la poesia delle barche a vela: si muovono al rumore delle onde che si infrangono a prua, inclinandosi fino a sfiorare il mare, anche quello più burrascoso e scuro, ed intanto avanzano, sempre. Il vento dà loro la forza per viaggiare; il marinaio sa come domarlo, come trasformare la sua forza in una opportunità per raggiungere la sua meta più velocemente.
Le barche sanno di spazi aperti, di fatica, del salso che le invecchia: bisogna averne cura così che si manterranno per una vita intera. Forse con qualche scricchiolio in più, ma arriveranno sempre alla loro meta. Ormai il sole è calato su questa spiaggia e anche il vento sembra placarsi. Le famiglie ritornano chiassose verso gli alberghi sul litorale. Le stelle iniziano ad accendersi nel cielo. Cammino ancora un po’ verso l’ultimo sole. Anche controvento le barche avanzeranno ed io, con loro.

Vida Michele “Baudasch”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...