Corpo-Mente-Cuore

“El cuerpo necesita descanso, la mente paz y el corazón alegría”. Sono in treno che viaggio verso Vienna, la mia compagna di viaggio dorme e io per passare il tempo do un’occhiata ai social e mi capita di leggere questa frase e mi dico che è proprio vero: “Il corpo ha bisogno di riposo, la mente di pace e il cuore di allegria.” Quello che leggo è proprio ciò che mi ci vuole e che tutti dovremmo avere, un corpo riposato e non stressato dalle mille corse che ogni giorno facciamo, esasperato da allenamenti perché lo vorremmo perfetto, umiliato dai nostri giudizi perché non è come vorremmo, costretto in vestiti che non gli danno giustizia perché ce ne vergognamo. Se il mio corpo potesse parlare credo che mi urlerebbe: “Ma lasciami in pace!” e mi manderebbe a quel paese molto volentieri. E la mente?! Oh mamma, povera me, credo che la mia mi urlerebbe di smetterla di pensare troppo, di immaginare situazioni spiacevoli, di preoccuparsi tanto per gli altri…e mi direbbe: “Ma rilassati!” E il cuore? Oh povero cuore! Quante volte si è spezzato e quante volte si è riaggiustato….quante volte si è stretto in una morsa di dolore e quante altre è scoppiato di felicità. Di sicuro è un cuore elastico e tonico con tutto quel movimento ma a volte è anche un cuore triste e timoroso, chiuso dentro una bottiglia di vetro che lo protegge dalle morse e dalle rotture. Il mio cuore di certo mi direbbe: “Ma lasciami libero!” Ora che ci penso, corpo mente e cuore chissà quante volte mi hanno urlato queste cose ma io non li ho ascoltati. Serve tempo e silenzio per ascoltare i messaggi del nostro corpo e della nostra mente e per capire di che cosa hanno veramente bisogno. A me aiuta e ha aiutato molto la meditazione, nulla di straordinario ma semplicemente dedicare dieci minuti al giorno al silenzio, all’ascolto del proprio corpo e del proprio respiro e riconnettersi con se stessi. C’è una tecnica di meditazione che aiuta anche ad allontanare le preoccupazioni e consiste nel dedicare ogni giorno almeno dieci minuti alle nostre paure, ansie, preoccupazioni. Cerchiamo un posto tranquillo, ci mettiamo comodi, puntiamo il timer e per dieci minuti pensiamo e tutto ciò che ci fa male, che ci preoccupa, che ci fa paura e lo sfoghiamo come serve: piangendo, urlando o restando in silenzio. Passati i dieci minuti ci laviamo il viso e riprendiamo la nostra giornata, quando arriva un pensiero negativo, una paura, una preoccupazione la posticipiamo al giorno successivo a quando abbiamo deciso di darle spazio. È importante la costanza in questa pratica, basta poco e lo si può fare quando si vuole l’importante è non prima di andare a dormire… Provare per credere. Diamo al corpo riposo, alla mente pace e al cuore arriverà tanta allegria.
Alice Colussi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...