Consigli di lettura: i quaderni botanici di Madame Lucie

A volte si deve scappare per ritrovarsi, per dare un senso alle cose e così Amande sceglie un luogo lontano dalle sue perdite e dal suo passato, forse per dimenticare ma a sua insaputa, sicuramente, per ritrovarsi.
E attraverso dei calendari, degli appunti dell’ex padrona della casa che affitta, che Amande giorno dopo giorno si mette in gioco, abbandonando il “NON POSSO” e il “NON CI RIESCO” attraverso attività a lei sconosciute, dall’accudire un’orto, a preparare piatti mai cucinati, mettendo pace nel suo cuore e ritrovando la serenità da cui le avversità della vita la avevano allontanata. Un crescendo di consapevolezza e di accettazione che l’autrice incalza in modo impeccabile mescolando storie diverse ma al contempo concatenate.
La concretizzazione che dopo l’inverno c’è sempre la primavera.

Marta Santin

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...