Tutta la durata della vita non è esistenza ma tempo.

Sapete che cos’è una banca del tempo? Se mi avessero fatto questa domanda qualche anno fa, non avrei saputo come rispondere. Tuttavia da quattro anni ormai sono socia di una di queste banche e, quindi, è doveroso che a risolvere il quesito sia io. La mia conoscenza di questa realtà è avvenuta per puro caso (se esiste veramente qualcosa nella vita che capita per mera casualità), ma da allora ho scoperto una rete speciale di persone che mettono al servizio degli altri le loro capacità.
Una banca del tempo è un istituto di credito particolare, in cui non viene depositato denaro ma tempo da scambiare. I soci sono correntisti che mettono a disposizione le loro abilità per svolgere le attività più disparate (si va dalla cura del giardino all’organizzazione di feste) e ricevere in cambio un’unità di tempo pari a quella da loro impiegata per la prestazione offerta: un’ora per un’ora, insomma.
Anche se non se ne sente parlare spesso, di banche del tempo in Italia ce ne sono tante e, attraverso il sito dell’Associazione Nazionale, è possibile rintracciare quella più vicina a noi e contattarla per “aprire un conto”.
In un’epoca in cui si va sempre di fretta e si ha l’impressione di non avere mai abbastanza tempo da dedicare a noi stessi, figuriamoci agli altri, è straordinario sapere che esistono persone disposte a dare a ciò che fanno un valore non in termini di denaro ma di ore. È inevitabile chiedersi se davvero non abbiamo il tempo di cui lamentiamo l’assenza o se semplicemente non sappiamo come impiegarlo al meglio.
Un grande autore della classicità latina, Seneca, ha dedicato a questo tema un’intera opera, il De brevitate vitae, e svariate lettere indirizzate all’amico Lucilio. In questi testi Seneca mette in luce il nodo della questione, non risparmiando i rimproveri: la vita non è breve e non abbiamo poco tempo, semplicemente ne sprechiamo molto in attività del tutto inutili e troppo tardi ci accorgiamo che non conta quanto ne abbiamo ma come decidiamo di utilizzarlo.
Il tempo, dunque, è la reale consistenza della nostra esistenza e, solo se sapremo farlo nostro e renderlo prezioso, potremo dire di apprezzare pienamente il dono che ci è stato fatto.

Francesca Tamai

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...