Se son libri fioriranno – Elfi al quinto piano (di Francesca Cavallo)

Cambiare città normalmente non è facile, ma farlo a ridosso del Natale potrebbe esserlo ancora meno… o forse no? Isabella e Dominique con i loro tre bambini Manuel, Camila e Shonda, ci raccontano come all’inizio del loro trasferimento, gli abitanti della città di R. non sono proprio così felici di avere nuovi vicini.
Non per il fatto che questa famiglia è composta da due mamme, ma perché gli abitanti adulti del paese non parlano con gli estranei, perché potrebbero succedere cose inaspettate.
La città di R. ha le facciate dei palazzi che brillano di colori: rosa, giallo canarino, blu, verde acqua ed arancione. Dopo aver percorso centoquattro scalini, arrivano al loro appartamento che è posizionato al quinto piano ed ha delle stanze all’apparenza piccole. È presente però un camino e questo sarà fondamentale…
Una delle mamme fa la postina e dopo una giornata di lavoro in fondo al sacco dove conserva la corrispondenza da consegnare di casa in casa, trova una lettera indirizzata ai tre figli, ma essendo appena arrivati nella città, non hanno dato ancora a nessuno l’indirizzo e quindi la domanda che sorge spontanea è : da chi arriverà?
I mittenti sono Babbo Natale e Mamma Natale, che chiedono una mano ai tre bambini per confezionare i regali per i ragazzini della città.
Ma come si fa a mandare la risposta a Babbo Natale in tempi brevi? Ci penserà la magia del Natale che inoltre farà si che in quel salotto possano arrivare gli elfi con i regali e tutto l’occorrente per confezionare i pacchi per ogni piccolo amico.
Le renne che normalmente partono dal Polo Nord con il carico completo dei regali, quest’anno facendo squadra con i nuovi aiutanti, avranno meno peso e passeranno a far rifornimento dai loro nuovi amici.
Ma sarà veramente così facile o ci saranno piccoli intoppi che renderanno la storia molto bella e coinvolgente?
Per scoprirlo non resta che leggere il libro.

Cit. L’amore è una cosa semplice se avremo il coraggio di aprire il nostro cuore a ciò che non conosciamo.

Katiuscia Salmaso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...